29/04/2008 Alfabeto prof echos  
F come Fame

Per molti i problemi del mondo sono l'imperialismo degli Stati Uniti d'America, l'ascesa della Cina, il terrorismo, il riscaldamento globale, e sebbene siano tutte argomentazioni valide, oggi la questione più critica è senza dubbio la carenza di cibo e la scarsità d'acqua. Per farsi un'idea solo sull'utilizzo dell'acqua, si pensi che il 70 per cento dell'acqua del pianeta è consumato dalla zootecnia e dall'agricoltura (i cui prodotti servono per la maggior parte a nutrire gli animali d'allevamento). Gli allevamenti consumano una quantità d'acqua assai maggiore di quella necessaria per coltivare soia, cereali, o verdure per il consumo diretto umano. E' questa una delle note dolenti del nostro vivere, a cui si è aggiunta da non molto la pazza idea di trasformare le derrate alimentari in carburante, tanto da contrapporre, in un sol colpo, cibo a biocarburanti.

Nel giro di un solo anno, in vaste zone del pianeta, come in Indonesia, l'aria è diventata irrespirabile a causa delle foreste date alle fiamme per far posto a coltivazioni di soia, canna da zucchero ed altre colture destinate ai biocarburanti di origine vegetale.

In questi giorni Buenos Aires, la capitale argentina, è avvolta da un'enorme nuvola di fumo, proveniente da enormi appezzamenti di terra dati alle fiamme dai proprietari, che bruciano sterpaglie e arbusti, protestando contro le tasse imposte dal governo sulle esportazioni di soia e di grano. *

In questo contesto, non trascurando neanche l'ingresso di Cina e India sul mercato, il prezzo del grano è salito a quotazioni così alte da provocare preoccupanti rincari di pane e pasta.

Ieri ad Accra, in Ghana, il segretario generale dell'Onu, Ban-Ki Moon, intervenendo alla XII sessione della Conferenza Onu sul commercio e lo sviluppo (Unctad) ha espresso le sue preoccupazioni dicendo che, se la questione dei prezzi elevati dei prodotti alimentari non sarà gestita correttamente, l'aumento indiscriminato dei prezzi dei generi alimentari potrebbe minacciare la crescita economica, il progresso sociale e la sicurezza mondiale.


Pur tuttavia, sono in molti a tessere le lodi del biocarburante, visto come alternativa più pulita alle fonti energetiche tradizionali. Lula, ad esempio, che governa un Paese, il mitico Brasile, il cui spazio sterminato non crea certo problemi ad un'agricoltura fuori di testa, in un recente vertice della Fao tenutosi in Argentina, si è trovato a dover difendere a spada tratta i biocarburanti (su cui il suo Paese ha puntato fortissimo, in pieno accordo con il Presidente americano Bush, alla ricerca di una via di uscita dalla dipendenza del petrolio) e se stesso. Messo sotto accusa in quanto ritenuto corresponsabile dell'esplosione dei prezzi di riso, grano ed altri alimenti di base registrati negli ultimi mesi, il Presidente brasiliano si è difeso sostenendo che il Brasile ha terreni sufficienti per reggere la crescita dei biocarburanti, e punta il dito invece contro il prezzo del petrolio, che spinge in alto i costi dei trasporti e dei fertilizzanti, e soprattutto i sussidi all'agricoltura dei Paesi Occidentali, che mettono fuori mercato le produzioni agricole africane e sud americane. E su questi problemi di fondo che bisogna intervenire, ha detto Lula, senza criminalizzare la produzione di biocarburanti, che al contrario potrebbe diventare presto un mezzo importante per dare ricchezza e indipendenza energetica anche ai Paesi oggi più poveri.

Però, se da una parte è vero che i biocarburanti sono una opportunità per la crescita e lo sviluppo di alcuni Paesi, e anche un'alternativa più pulita alle fonti energetiche tradizionali, dall'altra, dito puntato contro la massiccia produzione di biodiesel, che sottrae terreni alle produzioni alimentari, facendo salire i prezzi di riso, grano ed altri beni di base. Oltreciò, gli impianti industriali che li producono utilizzano materie prime agricole che percorrono migliaia di chilometri in aereo, navi e tir; assieme ad altri prodotti cibari, contribuendo allo spreco di energia ed emissione di gas a effetto serra.

A riguardo, proprio uno studio fatto da due ricercatori del Carnegie Mellon University di Pittsburgh, Pa., sulle emissioni di gas serra causati dalla produzione e dal trasporto di varie categorie di prodotti alimentari negli Stati Uniti, emerge che la dieta "locavora", cioè basata su prodotti che abbiano percorso il minor numero di chilometri possibile, produce benefici sopravanzati enormemente da un solo giorno da vegetariani. La coppia di ricercatori, Christopher Weber e H. Scott Matthews ha calcolato l’intero ciclo di vita della produzione dei cibi, cercando di separare i contributi di ogni fase, dalla produzione alla tavola. Il risultato principale è stato che il trasporto contribuisce solo per l’11% al totale delle emissioni prodotte mentre, la produzione agricola o industriale, è responsabile dell’83% delle sostanze che causano il riscaldamento globale.

Ad esempio, sembra che la carne rossa, da cui deriva il 31% dei gas serra, sia la principale responsabile delle emissioni inquinanti, mentre i latticini contribuiscono per un altro 18%. Minore il peso di carne di pollo e pesce (11%) e verdure (9%). Lo studio ha anche calcolato i benefici dei vari tipi di diete, da cui è venuto fuori che i “locatori” sono meno amici dell’ambiente dei vegetariani. Lo studio è stato pubblicato dalla rivista Environmental and Science and Technology.


28 aprile 2008 -

Di parere diverso da come la pensa da Lula ( vedere articolo precedente
), favorevole ai biocarburanti, e che presto sarà in Europa a sponsorizzare il suo prodotto (Repubblica Ceca e Olanda le prime tappe), è stato il tenore di una discussione al Vertice tra India e Unione africana (UA), tenutosi di recente a New Delhi. Tutta una serie di oratori hanno incolpato dell'esplosione dei prezzi dei prodotti alimentari e dei primi disordini nel mondo, il passaggio dal cibo ai biocarburanti. E' stato sottolineato che solo negli Stati Uniti, dal 2006, 8 milioni di ettari, che in precedenza erano stati piantati a mais, cereali, soia, per prodotti alimentari e foraggio, sono stati convertiti alla produzione di biocarburanti. Si pensa che il 18% della produzione di cereali degli americani è stato sprecato per ricavarne benzina. Simili proporzioni anche in Brasile, Argentina, Canada ed Europa Orientale.

Negli Stati Uniti nel 1995 la produzione di etanolo raggiungeva i 5 miliardi di litri; 12 miliardi nel 2004 e 35 miliardi nel 2007... 7 volte in più nell'arco di 12 anni... A riguardo, proprio in queste ultime ore giunge la presa di posizione del Presidente venezuelano Hugo Chavez, il quale se la prende con l'etanolo statunitense, denunciando come grandi quantità di grano siano utilizzate per la sua produzione anzichè sfamare il mondo, contribuendo in maniera "intollerabile" alla crisi alimentare mondiale.

Attualmente, sono molte le regioni del mondo che fronteggiano la crisi alimentare (Sudan, Ciad, Bolivia, Tanzania, Kenya, India, Etiopia...). In alcune di esse sono stati posti limiti alle importazioni (Russia, Cina, Serbia, Argentina, Egitto...), ed in altre (Marocco, Senegal, Camerun, Filippine, Thainlandia, Indonesia, Messico, Haithi, Perù...) sono scoppiate rivolte e disordini per mancanza di cibo o per i prezzi ormai irraggiungibili per gran parte della popolazione.

A fare impennare nell'ultimo anno le quotazioni dei cereali (grano, soia, mais e riso, aumentati rispettivamente del 130 per cento, 87 per cento, 31 per cento e 70 per cento, con impennate nei paesi importatori anche del 141 per cento da gennaio ad aprile 2008 per il riso), sono state varie cause, compreso il forte aumento della domanda da parte dei Paesi emergenti come Cina, India, dove una maggiore richiesta si è tradotta in maggiori consumi alimentari.

Grandi masse di popolazione hanno così cambiato le abitudini alimentari: più riso, mais e più carne, dove per ogni chilo di carne occorrono dai 4 ai 5 chili di cereali. Nel 1980 in Cina il consumo di carne pro capite annuo era di 20 chili; nel 2007 era salito a 50 chili annui.

Affrancarsi dal petrolio, la sfida che si credeva di poter vincere, in parte, con l'utilizzo dei biocarburanti, e che aveva permesso a migliaia di contadini di sconfiggere la fame e di tenere l'aria più pulita, dunque, è ben lungi dal verificarsi.

Così se in diversi Paesi del terzo mondo sta ritornando lo spettro della fame, anche nelle famiglie europee, quelle del ceto medio, cominciano ad emergere difficoltà a far quadrare il conto della spesa. In Italia i rincari hanno costretto 3 italiani su 4 a cambiare abitudini alimentari, variando la nota della spesa: meno pane, verdure, vino, pasta, frutta e olio, più polli e uova. Secondo l'Istat, la spesa media mensile di una famiglia per l'acquisto di alimenti e bevande è di 467 euro.

Per far fronte a ciò la Ue ha dato il via libera a 117 milioni in più per il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (PAM), in aiuto alle popolazioni in difficoltà, puntando ad aumentare, nella misura del 10 per cento, il numero delle coltivazioni dei terreni coltivabili, anche se, man mano che la questione alimentare porta scompiglio nel mondo, le armi sembrano del tutto spuntate contro gli speculatori, i quali continuano a fare guadagni enormi sui fondi delle derrate alimentari contribuendo in maniera determinante a spingere su il prezzo. La speculazione e l'aumento dei prezzi dei prodotti di base rischiano di creare una catastrofe umanitaria mondiale.

Tanto per dare un'idea di quel che succede nell'ultimo bastione del Capitalismo rimasto sulla Terra, dove si vende e si compra tutto, e cioè la Borsa, per la precisione quella del Chicago Board of Trade, mi avvalgo di alcune note riportate in un articolo sull'Espresso di questa settimana.

I numeri che compaiono sui tabelloni, e che fissano i prezzi dei prodotti agricoli nel mondo, sembrano una grande tombola collettiva, dove speculatori di mestiere, scommettono sulle quotazioni di granturco, soia, grano, riso... decidendo la sorte di milioni di contadini. Sui cartelloni elettronici dell'area riservata agli Agenti di Borsa, il Pit, vengono forniti ad ogni momento i parametri del mercato, ricordando al mondo ogni giorno che l'era dei prezzi bassi dei prodotti agricoli, durata trent'anni, è ormai finita. A determinare il comportamento degli investitori, l'analisi meteo è una delle variabili più importanti. In base alle previsioni meteorologiche si decide se piantare granturco, che soffre se il terreno è umido, o soia, che se dovesse piovere a breve è più indicato... anche se gli scherzi del tempo possono cambiare all'ultimo momento gli orientamenti degli agricoltori. Di conseguenza le previsioni di chi investe nel settore, e quindi i prezzi. I prezzi dei prodotti agricoli sono saliti alle stelle spinti dalla speculazione, dai fondi pensione e dalle industrie che producono etanolo. Secondo Pat Arbor, principe degli Agenti di Borsa di Chicago, le cause e la fame che sopravanza in milioni di persone del mondo dipende dal fatto che... Uno: gli Stati Uniti sovvenzionano gli agricoltori per produrre granturco, che non è più destinato al mercato alimentare ma a quello energetico. Due: cresce enormemente la domanda di cibo proteico da parte di Cina e India e i semi di soia e granturco servono per gli allevamenti di bestiame. Tre: un tempo c'erano grandi aziende agricole, come l'italiana Ferruzzi, che avevano un forte controllo del mercato, mentre oggi sono arrivati i fondi pensione che investono fino al 4, 5 per cento del loro Portafoglio in materie prime agricole, per non parlare di quelli di Dubai, di Singapore e di Hong Kong...







Fonte: Luciano Vecchi
 

Torna alle news della categoria "Alfabeto prof echos"
Torna alla pagina delle news

SITI SUGGERITI

 » Newser
 » QUARTZY
 » Smithsonian magazine
 » Limes on line
 » gateway to victory...
 » barnstable patriot
 » Haaretz
 » Televideo RAI
 » Tecnologia e ambiente
 » Sustainable security
 » www.thenational.ae
 » Acqua
 »  Newspapers
Internet Public Library:
 » notizie dal Golfo
 » To day front page
 » Indian express
 » Nature world news
 » EBIBLE
 » St. Augustin
 » Kqed.org
 » ElvuxBiz
 » Global research
 » News.com.au
 » MongabayCom
 » Science world report
 » Pulse.com
 » www.greenleft
 » News10
 » Ecogeek
 » Express.co.uk
 » ifrepress
 » Reuters
 » Maktoob
 » Pravda
 » www.onlinenewspapers.com
 » www.newseum
 » TOP news
 » Gazette Times news
 » WorldWatch
 » CIA
 » GeoHive: Global Statistics
 » The sunday post.blogspot
 » Link the sunday post
 » Mappedup
 » Secret of the fed
 » Good net org
 » USA today
 » Africa journalism
 » French tribune
 » Atlas obscura
 » FOREST NEWS
 » cawater-info.
 » Science magazine
 » jn1.tv
 » allvoices.com
 » whatsonxiamen.com
 » Thinkprogress.org
 » Greenprophet
 » Nydaily news
 » Business week
 » Tribune.com
 » Oneworld
 » pbs.org
 » Onearth.org
 » .business and leadership
 » Ashden org
 » bay citizen
 » Online.WSJ
 » News Yahoo
 » Affari italiani. libero
 » Spiegel online
 » somali peacemaker
 » Money control
 » Alaska dispatch
 » ABC:AZ
 » Inter Press Service
 » Dagospia
 » ABC Article direct
 » Drudge Report
 » STATISTICHE
Statistiche popolazione mondiale
 » GLOBAL GEOGRAFIA
 » Diggita.it
 » TREE HUGGER
 » news africa
 » eenews
 » Informador
 » GIZMONDO
 » IPL.org blog
 » Reuters
 » Wikipedia
 » Voa news
 » BBC mundo

FOCUS

Sito Online di Euweb