23/12/2008 FUTURO PROSSIMO  
La dove spira il vento della finanza internazionale
Il Fondo sovrano si è costituito nei Paesi che hanno un surplus, più forti nell'export di petrolio (o altre materie prime d'una certa rilevanza), come Emirati Arabi, Qatar, Norvegia, ma anche Singapore dove il governo ha realizzato il Fondo Temasek, uno dei più attivi. Essi vengono costituiti al di fuori del Bilancio dello Stato e sono sotto la giurisdizione della Banca centrale. Gli Emirati Arabi hanno il principale Fondo sovrano del mondo. La Cina ha un fondo sovrano.

La crisi dei mutui subprime ha fatto emergere il peso dei Fondi sovrani, intervenuti nella Citigroup, Ubs, Linch... Il fondo sovrano controllato dal governo di Singapore ha raddoppiato i profitti nonostante la crisi dei mutui.

Allo stato attuale c'è uno stravolgimento geopolitico finanziario e la Finanza internazionale sta presentando il suo conto. I Paesi islamici produttori di petrolio hanno ampliato negli ultimi anni, in modo esponenziale, la loro presenza nella Finanza internazionale, tanto da far si che le loro istituzioni finanziarie pesano quaranta volte in più rispetto al 1982.

"La gente diceva che era un'idea assurda, come aprire una distilleria islamica di Whisky", sosteneva nel 1975 lo sceicco Hussein Hamid Hassan, che ha creato a Dubai la prima banca privata islamica Invece si è registrata una massiccia espansione: Sudan, Egitto, Bahrein, Mallaysia, Iran, Pakistan, gli Emirati, Giordania, Libano, Kuwait, Arabia, Qatar...

La lista dei Paesi islamici coinvolti nel tumultuoso sviluppo della finanza della "mezzaluna" è lunga. Comprende 75 Paesi tra Medio Oriente, Asia e in piccola parte Europa.

Secondo quanto dice il testo Islam e il mondo degli affari di L.Siagh (Etas, di cui l'economista Maurizio Guandalini ha curato l'edizione italiana), l'Islamic banking è il cuore della finanza islamica, ed è la chiave per capire il connubio tra affari e religione. L'Islamic banking sono trecento istituti di credito. La banca islamica è un 4% di tutta l'attività finanziaria globale e tra 5, 10 anni la percentuale salirà al 15%, 500 miliardi di dollari amministrati...

Il che, se permettete, fa pensare...


FONTE: 04/12/2008 LVblogspot

Fonte: lucianovecchi.blogspot.com
 

Torna alle news della categoria "FUTURO PROSSIMO"
Torna alla pagina delle news

SITI SUGGERITI

 » newsweek
 » Scubatravel
 » Newser
 » QUARTZY
 » Smithsonian magazine
 » Limes on line
 » gateway to victory...
 » barnstable patriot
 » Haaretz
 » Televideo RAI
 » Tecnologia e ambiente
 » Sustainable security
 » www.thenational.ae
 » Acqua
 »  Newspapers
Internet Public Library:
 » notizie dal Golfo
 » To day front page
 » Indian express
 » Nature world news
 » EBIBLE
 » ElvuxBiz
 » Global research
 » News.com.au
 » MongabayCom
 » Science world report
 » Pulse.com
 » www.greenleft
 » News10
 » Ecogeek
 » Express.co.uk
 » ifrepress
 » Reuters
 » Maktoob
 » Pravda
 » www.onlinenewspapers.com
 » www.newseum
 » TOP news
 » Gazette Times news
 » WorldWatch
 » CIA
 » GeoHive: Global Statistics
 » The sunday post.blogspot
 » Link the sunday post
 » Mappedup
 » Secret of the fed
 » Good net org
 » USA today
 » Africa journalism
 » French tribune
 » Atlas obscura
 » FOREST NEWS
 » cawater-info.
 » Science magazine
 » jn1.tv
 » allvoices.com
 » whatsonxiamen.com
 » Thinkprogress.org
 » Greenprophet
 » Nydaily news
 » Business week
 » Tribune.com
 » Oneworld
 » pbs.org
 » Onearth.org
 » .business and leadership
 » Ashden org
 » bay citizen
 » Online.WSJ
 » News Yahoo
 » Affari italiani. libero
 » Spiegel online
 » somali peacemaker
 » Money control
 » Alaska dispatch
 » ABC:AZ
 » Inter Press Service
 » Dagospia
 » ABC Article direct
 » Drudge Report
 » STATISTICHE
Statistiche popolazione mondiale
 » GLOBAL GEOGRAFIA
 » Diggita.it
 » TREE HUGGER
 » news africa
 » eenews
 » Informador
 » GIZMONDO
 » Reuters
 » Voa news
 » BBC mundo

FOCUS

Sito Online di Euweb