09/10/2018 global warming  
Le drastiche conclusioni dell'incontro sul clima a Incheon, Corea del sud
Gli scienziati hanno rilasciato quella che può essere vista come la chiamata più urgente e di vasta portata che i governi mondiali possano fare per ridurre le emissioni di gas serra e fermare il riscaldamento globale... E forse è quasi troppo tardi per salvare la Terra ma un tentativo potrebbe anche essere fatto ma richiede una #ClimateAction senza precedenti in tutte le aree della società, tra cui energia, uso del suolo, costruzione, trasporti, cibo e sviluppo urbano.



Il rapporto, commissionato dalle Nazioni Unite (ONU) dopo l'accordo sul clima di Parigi nel 2015, è il risultato di anni di ricerca e ha richiesto più di due anni per produrre e includere la valutazione di oltre 6.000 studi scientifici, e poi di una settimana di frenetici negoziati tra scienziati e funzionari governativi in Corea del sud.



A Parigi una coalizione di nazioni ricche e povere si era impegnata a "perseguire gli sforzi per limitare l'aumento della temperatura anche oltre l'1,5 ° C" così come l'obiettivo "ben al di sotto" del 2C stabilito dall'accordo.



Lo scopo era di creare un documento che potesse aiutare i governanti al potere ad agire senza indugi per scongiurare il cambiamento climatico e sostenere uno sviluppo economico sostenibile, ma allo stesso tempo sradicando la povertà.

Il suo obiettivo era riunire tutta la letteratura scientifica disponibile e produrre un rapporto che descrivesse due scenari futuri. Uno in cui la temperatura media della Terra è stata lasciata aumentare di 1,5 ° C rispetto alle temperature preindustriali (dal 1850 circa) e una in cui è aumentata di 2 ° C.



"Cambiamenti senza precedenti" necessari per fermare il riscaldamento globale, dice l'ONU,



Gli scienziati hanno avvertito dei coralli morenti (oltre il 99 per cento dei coralli morirà se la Terra si scalda di 2 ° C ) e del pericolo derivante dallo scioglimento dei ghiacci e dall'aumento dei livelli del mare. Questi effetti sono inevitabili con qualsiasi livello di riscaldamento globale, ma la conclusione del rapporto è che saranno molto peggiori se l'aumento della temperatura è di 2 ° C, rispetto a un obiettivo più ambizioso di 1,5 ° C.



E dunque, le cose non stanno andando per il verso giusto. Siamo sulla via di raggiungere 1.5C tra 2030 e 2052 se la temperatura continua ad aumentare al tasso attuale, 3C entro la fine del secolo.



Una volta raggiunto il riscaldamento di 2C, il mondo sarà profondamente diverso.



Non ci sarà quasi più nessuna barriera corallina, l'Artico sarà completamente privo di ghiaccio durante l'estate almeno una volta ogni decennio, e un numero enorme di animali e piante si estinguerà man mano che il loro habitat diventa sempre più piccolo.



L'impatto per l'uomo sarà enorme, soprattutto in aree già vulnerabili come le regioni costiere basse del Bangladesh e del Vietnam, e territori insulari come Kiribati e le Maldive. L'innalzamento del livello del mare porterà via milioni di persone dalle loro case e la produzione agricola cadrà drammaticamente nell'Africa sub-sahariana, nel sud-est asiatico e nell'America centrale e meridionale.



Si può porre rimedio in qualche modo ?



Sì, ma richiederà uno sforzo serio a tutti i livelli della società. I ricercatori della IPCC hanno usato parole come "senza precedenti" per descrivere il tipo di modifiche che dovranno essere apportate se vogliamo rimanere al di sotto dell'obiettivo di 1,5 ° C.



"Limitare il riscaldamento globale richiederebbe cambiamenti senza precedenti", afferma il professor Jim Skea



Cosa significa questo per i combustibili fossili?



Il consumo di combustibili fossili è il principale produttore di gas a effetto serra, quindi questo è il settore che dovrà subire i maggiori cambiamenti.



Le emissioni di CO2 devono essere ridotte del 45% rispetto ai livelli del 2010 entro il 2030 per ridurre il riscaldamento a 1,5 ° C. Entro il 2050 dobbiamo essere a "zero netto", nel senso che qualsiasi CO2 rimasta pompata nell'atmosfera deve essere risucchiata in qualche modo.



Gli attivisti dalle isole dell'Artico alle isole del Pacifico temono per la vita se si va oltre l'1,5 °C. Ciò significherà piantare molti alberi e anche investire in tecnologie che catturano il carbonio dall'aria e lo immagazzinano in qualche modo. Molte di queste tecnologie sono ancora essenzialmente sperimentali, il che significa che affidarsi troppo a loro potrebbe essere rischioso.



Nella maggior parte dei percorsi verso un futuro a 1.5 C, si prevede che le fonti di energia rinnovabile forniranno fino all'85 per cento del nostro fabbisogno di elettricità entro il 2050. Ciò potrebbe scompigliare alcuni fiori all'occhiello anche nelle nazioni che si sono impegnate con decisione ad affrontare il cambiamento climatico, come il Regno Unito e la Germania, dove l'estrazione dei combustibili fossili è ancora in corso.



Gli autori del rapporto stilato a Incheon, hanno concluso che "limitare il riscaldamento globale a 1,5 ° C richiederebbe cambiamenti rapidi, di ampia portata e senza precedenti in tutti gli aspetti della società", e questo a quanto pare significa anche noi individui.



Alcuni di questi cambiamenti saranno in parte dall'alto verso il basso, come ad esempio il passaggio dalle auto a benzina e diesel ai veicoli elettrici. I governi possono facilitare questa transizione incentivando le persone a passare a veicoli più puliti, ma non c'è dubbio che questo sarà un enorme cambiamento avvertibile nei prossimi due decenni se gli avvertimenti dell'IPCC saranno presi sul serio.



Altri punti del rapporto possono essere interpretati come un impatto sulle persone a un livello più personale. Il passaggio a "diete a basso consumo di risorse", ad esempio, comporterà probabilmente il consumo di meno carne - qualcosa che non tutti saranno lieti di sentire.



Fonte: The Indipendent - IPCC
 

Torna alle news della categoria "global warming"
Torna alla pagina delle news

SITI SUGGERITI

 » Atlasobscura
 » Focus
 » Mexico news
 » Scidev.net
 » Science magazine
 » Stumbleupon
 » Aljazeera.com
 » SCMP
 » BBC news
 » Top News
 » Gulf Time
 » TheVergecom
 » ECO WATCH
 » FOURWINDS
 » Scubatravel
 » Newser
 » QUARTZY
 » Smithsonian magazine
 » Limes on line
 » gateway to victory...
 » Haaretz
 » Televideo RAI
 » Tecnologia e ambiente
 » Sustainable security
 » www.thenational.ae
 » Acqua
 »  Newspapers
Internet Public Library:
 » notizie dal Golfo
 » To day front page
 » Indian express
 » Nature world news
 » EBIBLE
 » ElvuxBiz
 » Global research
 » News.com.au
 » MongabayCom
 » Science world report
 » Pulse.com
 » www.greenleft
 » News10
 » Ecogeek
 » ifrepress
 » Reuters
 » Maktoob
 » Pravda
 » www.onlinenewspapers.com
 » www.newseum
 » Gazette Times news
 » WorldWatch
 » CIA
 » GeoHive: Global Statistics
 » Link the sunday post
 » Mappedup
 » Secret of the fed
 » Good net org
 » USA today
 » Africa journalism
 » French tribune
 » FOREST NEWS
 » Science magazine
 » jn1.tv
 » allvoices.com
 » whatsonxiamen.com
 » Greenprophet
 » Nydaily news
 » Business week
 » Tribune.com
 » Oneworld
 » pbs.org
 » Onearth.org
 » .business and leadership
 » Online.WSJ
 » News Yahoo
 » Spiegel online
 » somali peacemaker
 » Inter Press Service
 » Dagospia
 » ABC Article direct
 » Drudge Report
 » GLOBAL GEOGRAFIA
 » Diggita.it
 » TREE HUGGER
 » news africa
 » Informador
 » GIZMONDO
 » Reuters
 » Voa news
 » BBC mundo

FOCUS

Sito Online di Euweb