18/01/2019 storie di Echos  
C'era una volta la Groenlandia...
Non posso distogliere lo sguardo dal bambino morto; i suoi capelli morbidi, scuri, le labbra parzialmente aperte, le lunghe ciglia nere sugli zoccoli vuoti. La sua piccola faccia è inclinata di lato, come se stesse interrogando qualcosa. I cacciatori che hanno trovato questo bambino fragile in una grotta nel nord della Groenlandia all'inizio pensarono che fosse una bambola di porcellana. Ma questo ragazzino è reale come sua madre e gli altri sei membri della famiglia sepolti in quella grotta più di cinquecento anni fa e conservati per secoli nell'aria artica fredda e secca.

Ma molte di queste storie andranno perdute prima ancora di essere trovate. Vengono letteralmente lavate via...

L'autrice di questo articolo ha visto per la prima volta il ragazzo e la sua famiglia durante una visita al Museo Nazionale e agli Archivi della Groenlandia nella capitale Nuuk, dove furono spostati i resti dopo le indagini scientifiche in Danimarca negli anni '80. Sono solo una delle migliaia di manufatti che documentano la ricca storia della migrazione umana in Groenlandia, conservati in ambienti col suolo ghiacciato, protetti dalla lontananza in un paese indisturbato da strade o ferrovie.

Ci sono circa 6.000 siti archeologici registrati in tutta la Groenlandia, e molti altri da scoprire. Anelli di tende di pietra, nascondigli di carne, fiori di campo ed erbe coltivate che crescevano dove un tempo c'erano fattorie e persino luoghi di sepoltura. Questi artefatti raccontano storie che aspettano di essere scoperte, documentate, da comprendere.

Ma molte di queste storie andranno perdute ancor prima che vengano trovate. Esse sono letteralmente spazzate via, secondo le scarse scoperte dei pochi archeologi che lavorano nell'Artico. Nel 2018, i ricercatori di sei paesi artici ed europei hanno esaminato lo stato dei siti archeologici dell'Artico. Le loro scoperte, riportate nella rivista Antiquity, rendono difficile la lettura. Una volta l'Artico offriva una capsula del tempo incontaminata per i resti archeologici, congelati nel permafrost. Ma negli ultimi 40 anni, l'Artico si è riscaldato del doppio della media mondiale, lo scioglimento della calotta polare sta accelerando e il permafrost lungo la sottile striscia di terra che detiene il prezioso record di migrazione e occupazione umana della Groenlandia, sta scongelando.

"È facile dire che il cambiamento climatico sta distruggendo tutto", afferma l'autore principale Jørgen Hollesen, ricercatore senior al National Museum of Denmark, "ma volevo conoscere lo stato scientifico attuale, non solo l'opinione. Sin dall'inizio, volevo farlo basandomi sui fatti, non sulle emozioni ".

La revisione di Hollesen e dei suoi colleghi rivela chiaramente che una serie di fattori indotti dal clima stanno deteriorando o distruggendo i siti archeologici in tutto l'Artico; l'erosione costiera attraverso la riduzione del ghiaccio marino, l'aumento dei livelli del mare e degli eventi temporaleschi, il riscaldamento del suolo e lo scioglimento del permafrost, l'aumento dell'ossigeno nel sottosuolo che promuove il decadimento e l'azione microbica, l'aumento del deflusso e l'aumento e il cambiamento della vegetazione. E i processi naturali in rapido mutamento stanno colpendo migliaia di siti, tutti in una volta.

Un esempio sono i cumuli di rifiuti del passato contenenti legno, ossa, piume e pelliccia che servono come una ricca fonte di informazioni su come una volta vivevano le persone.

Ma mucchi di reperti, come quelli dell'insediamento desertico di Kangeq, vicino alla capitale di Nuuk, dove la gente ha vissuto per migliaia di anni, sono ora in decadimento.I resti organici nelle fosse di Kangeq, si stanno trasformando in poltiglia nel permafrost che si sta sciogliendo rapidamente, e vengono spazzati via dall'aumentata attività delle tempeste.

Come salvare l'importante passato di questi luoghi freddi della Terra ?

Un piccolo inizio è il progetto REMAINS of Greenland, una partnership tra il Museo Nazionale della Groenlandia e gli Archivi, il Museo Nazionale della Danimarca e il Centro per gli Studi sul Permelofrost (CENPERM) dell'Università di Copenhagen. Il fine del progetto è la ricerca e gestione di siti archeologici in un ambiente in continua evoluzione, per poter identificare e gestire i siti a rischio. Laddove storicamente la norma è stata semplicemente quella di documentare l'archeologia, il progetto REMAINS assume una visione olistica, che guarda all'intero quadro dell'ambiente ambientale e umano dei resti archeologici, passati e presenti. Qual era l'ambiente in cui viveva questa gente? Come è cambiato? Quali sono gli impatti attuali indotti dal clima su questi luoghi?



Da WikiPedia - La storia della Groenlandia, la più grande isola del mondo, è la storia della vita in condizioni estreme: un manto di ghiaccio ne ricopre l'84% della superficie, limitando le attività umane principalmente alla zona costiera. Dopo un susseguirsi di ondate migratorie dall'America fin dal 2500 a.C., nel X secolo d.C. fu scoperta dai Vichinghi provenienti dall'Islanda, che la trovarono apparentemente disabitata.

A Papa Pasquale II si attribuisce la nomina del primo vescovo di Groenlandia e Terranova: si tratta di Enrico, o Henricus, che risulta così il primo vescovo in terra d'America, circa quattro secoli prima di Cristoforo Colombo. I diretti antenati dei moderni Inuit Groenlandesi arrivarono nel 1200 circa dal nord-ovest; mentre gli Scandinavi sparirono dopo mezzo secolo, gli Inuit si adattarono al clima e sopravvissero.

Tuttavia la Danimarca-Norvegia rivendicò il territorio, e, poiché per alcuni secoli non c'era stato contatto tra i Vichinghi groenlandesi e gli Scandinavi, nel 1721 fu inviata nell'isola una spedizione missionaria. I missionari europei iniziarono a battezzare i nativi Inuit groenlandesi e a fondare colonie commerciali lungo la costa per la creazione di un impero coloniale danese; vennero mantenuti i privilegi coloniali come il monopolio sui commerci.

Durante la seconda guerra mondiale la Danimarca perse il dominio economico e politico dell'isola, che si avvicinò così agli Stati Uniti e al Canada. Dopo la guerra il controllo dell'isola ritornò alla Danimarca, e nel 1953 lo status coloniale venne trasformato in quello di un Amt (contea) d'oltremare. La Groenlandia ebbe poi nel 1979 il diritto all'autogoverno e nel 1985 l'isola abbandonò la Comunità Economica Europea tramite referendum.



Liberamente tratto da un articolo della geologa Julie Hollis, capo del dipartimento di geologia per il governo della Groenlandia


Nell'immagine i resti di un fienile vichingo si ergono ancora su quello che era stato l'insediamento di Gardar



Fonte: massivesci.com
 

Torna alle news della categoria "storie di Echos"
Torna alla pagina delle news

SITI SUGGERITI

 » WB
 » Forest news
 » onlinenewspapaer
 » Atlasobscura
 » Focus
 » Mexico news
 » Scidev.net
 » Science magazine
 » Stumbleupon
 » Aljazeera.com
 » SCMP
 » BBC news
 » Top News
 » Gulf Time
 » TheVergecom
 » ECO WATCH
 » FOURWINDS
 » Scubatravel
 » Newser
 » QUARTZY
 » Smithsonian magazine
 » Limes on line
 » gateway to victory...
 » Haaretz
 » Televideo RAI
 » Tecnologia e ambiente
 » Sustainable security
 » www.thenational.ae
 » Acqua
 »  Newspapers
Internet Public Library:
 » notizie dal Golfo
 » To day front page
 » Indian express
 » Nature world news
 » EBIBLE
 » ElvuxBiz
 » Global research
 » News.com.au
 » MongabayCom
 » Science world report
 » Pulse.com
 » www.greenleft
 » News10
 » Ecogeek
 » ifrepress
 » Reuters
 » Maktoob
 » Pravda
 » www.newseum
 » Gazette Times news
 » WorldWatch
 » CIA
 » GeoHive: Global Statistics
 » Link the sunday post
 » Good net org
 » Africa journalism
 » French tribune
 » Science magazine
 » Greenprophet
 » Nydaily news
 » Business week
 » Tribune.com
 » Oneworld
 » pbs.org
 » Onearth.org
 » .business and leadership
 » Online.WSJ
 » News Yahoo
 » Spiegel online
 » somali peacemaker
 » Inter Press Service
 » Dagospia
 » ABC Article direct
 » Drudge Report
 » GLOBAL GEOGRAFIA
 » Diggita.it
 » TREE HUGGER
 » news africa
 » Informador
 » GIZMONDO
 » Reuters
 » Voa news
 » BBC mundo

FOCUS

Sito Online di Euweb